L’Istituto persegue finalità tese alla formazione e discussione pubblico-politica in un contesto dialogico e imperniato sul dibattito.

Dopo anni di apprezzato lavoro coordinato da Paolo Temeroli, fondatore insieme ad altre personalità forlivesi del sodalizio, dal 2003 al 2013 l’Istituto è stato diretto da Thomas Casadei che, insieme a tanti amici e compagni di lavoro, ne ha sviluppato i percorsi fino all’attuale assetto. In seguito ad una riorganizzazione dell’assetto dell’Istituto, da giugno 2013 a dicembre 2016, la posizione è stata ricoperta da Veronica Esposito.

 

Le aree di lavoro mediante le quali l’Istituto sviluppa principalmente le sue attività sono:

  • Tempus loquendi. Modi e forme della comunicazione
  • Homo civis/citizen. Spazi della città, territorio e sostenibilità
  • Sguardi sul mondo
  • Cultura civile: arti, spettacoli e creatività
  • Gramsciana – Studi

Frequenti sono state e sono le collaborazioni con altre associazioni del territorio forlivese e cesenate: Acli, Ass. universitaria Cactus, Arci, Altrimondi, Barcobaleno. Passioni in movimento, Centro Pace Forlì, CGIL Forlì, La Parola, Libera – Presidio di Forlì “Placido Rizzotto”, Mfe – Movimento federalista europeo, Questa città, Una Città, Ass. Barcobaleno, ACLI – Forlì-Cesena, Udi.

In questo periodo hanno collaborato alla realizzazione delle attività:

Massimo Bondi, Andrea Brigliadori, Mirco Campri, Marcello Casadei, Claudia Castellucci, Stefania Collini, Denio Derni, Veronica Esposito, Maria Maltoni, Giovanni Matteucci, Flavio Milandri, Angelo Mini, Sara Pignatari, Alessandro Strada, Mattia Sansavini, Vincenzo Sorrentino, Luciana Tampieri, Paolo Temeroli.

Per consultare l’archivio delle iniziative: riepilogo 2003-2013